Prima della chiusura dell’Asr sono riuscito a:
1. fare una foto con Kareem Campbell
2. stringere la mano a Paul Schmitt (Stix)
3. vincere 25 dollari a Black Jack in un casinò americano/indiano

e potrei essere soddisfatto no?

MA C’è DI PIù! Ho conosciuto Donald, l’inventore dei Grind King (i miei truck preferiti per street), ed o avuto un paio di AXL nuova generazione. Ci sono delle novità nel kingpin e i gommini hanno un bordo di ritegno in maniera che anche stretti forte non vengono spremuti fuori curvando, inoltre sono più reattivi nel tornare al centro.

Una novità che potrebbe riguardare pochi skater è il ritorno dello slick bottom. Ovvero un foglio di polimero che si può applicare sotto la tavola. Slaida sempre, non si rovina lo strato inferiore e quindi neanche la grafica. Dai ’90 con furore, a chi interessa? mandate un commento o un’email.

Chi ha vinto the lord of the lines? I finalisti erano Jeremy Rogers, Joe Brezyinski e Ronnie Creager. Il polacco ha dominato sin dalle qualificazioni: le linee gli entravano quasi senza sforzo, col cappello calato dietro le orecchie si chiudeva p.es. nollie flip nosemanual shove it out (manual pad) poi 270 boardslide (rail) e nosegrind 180 out sul grindbox in salita. Eliminati dalle qualificazioni anche Billy Marks, Danny Montoya, Nate Sherwood e altri 6 (il casino era tale che non ricordo tutto). Inoltre un tale vestito da profeta dava 100$ ogni tanto a uno skater che spaccava o per qualsisi motivo gli venisse in mente, totale 1000$.
Il primo ha preso 10.000$, il secondo 3000$ e il terzo 1000$.
SI MA CHI SONO??? Non lo so… 🙁 dopo due ore di contest dovevo aspettarne un’altra per le premiazioni così mi sono fatto un giro.

Infatti sono andato al seminario della IASC, un tavolo aperto anche ai non membri, per ascoltare le nuove proposte per Spingere lo Skateboard Avanti (lo slogan) a livello internazionale (e mi sono perso la premiazione ma tanto lo leggeremo altrove). Ho incontrato i tipi della European Skateboard Association (ma non c’era il Basilico) e Bod Boyle, Tod Swank, e altri direttori di companies e associazioni americane.

Venerdì sera anteprima di Cataclismyc Abyss, il video Foundation, proiettato al Teatro di San Diego, come fosse il cinema Barberini a Roma, grande caciara per entrare, noi ci eravamo procurati lo sticker/invito direttamente al quartier generale di Tum Yeto dove naturalmente avevano montato una linea bank funbox quarter tra gli scaffali delle migliaia di tavole, magliette, truck etci etci.

Ora siamo di nuovo di partenza, direzione Arizona e i suoi skatepark. Avete domande? Mandate commenti o email!
Ciao!